Approfondimento

Crediti di Imposta

 

Crediti di Imposta

Scopri come ottenere benefici fiscali per i tuoi investimenti

Si parla di crediti di imposta in tutti i casi in cui l'impresa vanta un credito nei confronti del fisco o di un ente pubblico.

L'importo è stabilito, di volta in volta, nel bando di riferimento dedicato allo specifico ambito di interesse.

Si può usufruire del credito in compensazione dei debiti o diminuzione delle imposte dovute. 

 

Quali sono i Bonus richiedibili?

  • Credito d'Imposta R&S, Innovazione e Design 2021

  • Credito d'Imposta beni 4.0 2021-2023

  • Credito d'Imposta beni immateriali 4.0 2021-2023

  • Bonus Formazione 4.0 2021

  • Bonus pubblicità 2021

  • Tax Credit Sponsorizzazioni Sportive

  • Credito d'imposta per Sanificazioni, DPI e Tamponi Covid-19

 

 

Credito d'Imposta R&S, Innovazione e Design 2021

E' l'incentivo più conosciuto per quanto riguarda le attività di ricerca e sviluppo.

Con la Legge di Bilancio 2020, l'applicazione della misura nata nell'ambito del Piano Industria 4.0 è stata estesa alle attività di innovazione e design.

Il bonus originario, dedicato alle attività di ricerca e sviluppo, prevedeva aliquote tra il 25% e il 50% delle spese sostenute.

Il nuovo incentivo invece, dal 2021, prevede scaglioni fino al 20%.

 
 

Credito d'Imposta beni 4.0 2021-2023

Il Piano Nazionale Impresa 4.0 prevedeva, tra le varie agevolazioni, anche l'iperammortamento.

L'incentivo è finalizzato a sostenere gli investimenti in beni strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle imprese.

Con la modifica in Transizione 4.0, l'iperammortamento è stato sostituito dal "Credito d'imposta per investimenti in beni strumentali 4.0".

Quest'ultimo è stato introdotto nel 2020, con l'obiettivo di facilitare l'accesso all'agevolazione.

Per gli investimenti in beni 4.0 effettuati nel periodo 16/11/2020 - 31/12/2021; ovvero entro il 30/06/2022, a condizione che entro il 31/12/2021 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione, l'ammontare del bonus è determinato secondo i seguenti criteri:

  • 50% nel caso di investimenti per un importo fino a 2,5 milioni di euro;
  • 30% nel caso di investimenti compresi tra i 2,5 e i 10 milioni di euro;
  • 10% per gli investimenti tra i 10 e 20 milioni di euro.

Per gli investimenti in beni 4.0 effettuati nel periodo 01/01/2022 - 31/12/2022; ovvero entro il 30/06/2023, a condizione che entro il 31/12/2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione, l'ammontare del bonus è determinato secondo i seguenti criteri:

  • 40% nel caso di investimenti per un importo fino a 2,5 milioni di euro;
  • 20% nel caso di investimenti compresi tra i 2,5 e i 10 milioni di euro;
  • 10% per gli investimenti tra i 10 e 20 milioni di euro.
 
 

Credito d'imposta beni immateriali 4.0 2021-2023

L'incentivo è finalizzato a sostenere gli investimenti in beni immateriali – softwaresistemi e system integration, piattaforme e applicazioni – connessi a investimenti in beni materiali «Industria 4.0».

Per gli investimenti fino a 1 milione di euro, effettuati nel periodo 16/11/2020 - 31/12/2022; ovvero entro il 30/06/2023 a condizione che entro il 31/12/2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione, l'ammontare del bonus viene calcolato nella misura del 20%.

 
 

Bonus Formazione 4.0 2021

Nel Piano Transizione 4.0 è inclusa anche l'agevolazione dedicata alla formazione del personale operante in ambito 4.0.

Sono ammesse le attività di formazione svolte all'interno dell'azienda tra dipendenti e finalizzate al miglioramento delle competenze in ambito tecnologico e digitale. 

In questo ambito rientrano: integrazione digitale dei processi aziendali, interfaccia uomo-macchina,  big data, cloud e cyber security, robotica avanzata, sistemi di realtà virtuale, ecc...

Gli scaglioni variano dal 30% al 50% delle spese a seconda della dimensione di impresa.

 
 

Bonus pubblicità 2021

Il credito d'imposta per investimenti pubblicitari è stato introdotto nel 2018 e modificato nel 2020, a causa dell'emergenza Covid.

Nato per sostenere il settore editoriale, inizialmente prevedeva un bonus del 75% sull'incremento di spesa rispetto all'anno precedente.

L'attuale regime straordinario prevede un credito pari al 50%, calcolato sull'ammontare di tutti gli investimenti effettuati:

  • su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, anche online,
  • nell'ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche, locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato.

Cadono quindi i vincoli relativi all'incremento.

I termini di presentazione delle domande vanno dal 1° al 30 settembre 2021.

I beneficiari dovranno presentare nel mese di gennaio 2022 la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati.

 
 

Tax Credit Sponsorizzazioni Sportive

Questa misura, introdotta dal Decreto Agosto 2020, è rivolta a imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.

Prevedeva un credito d'imposta pari al 50% del valore degli investimenti effettuati dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Erano ammissibili gli investimenti riferiti a campagne pubblicitarie, incluse sponsorizzazioni

Le società sportive oggetto della misura devono certificare di svolgere attività sportiva giovanile.

Il Decreto Sostegni Bis ha riconfermato il contributo anche per l'anno 2021.

Siamo attualmente in attesa della pubblicazione del Decreto Attuativo per scoprire se ne saranno confermate le caratteristiche.

 
 

Credito d'imposta per Sanificazioni, DPI e Tamponi Covid-19

L'agevolazione si rivolge a imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.

Prevede un credito d'imposta pari al 30% del valore degli investimenti effettuati dal 1° giugno al 31 agosto 2021.

Sono ammissibili le spese sostenute per: 

  • la sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale o per la sanificazione degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;
  • la somministrazione di tamponi a coloro che prestano la propria opera nell’ambito delle attività lavorative e istituzionali esercitate;
  • l’ acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
  • prodotti detergenti e disinfettanti;
  • dispositivi di sicurezza quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
  • dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

Le domande potranno essere presentate dal 04/10/2021 al 04/11/2021.

 
 
[/fusion_text]

    Pigreco Sede