NEWS

CONTRIBUTI PUBBLICI:

obblighi di trasparenza per le imprese beneficiarie

A partire dal 1° gennaio 2020, con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni legislative – in particolare della legge 4 agosto 2017, n. 124 (art. 1, commi da 125 a 129) e successive modifiche del Decreto Crescita del 2019 (Legge 30 aprile 2019, n. 34) – sono previsti specifici obblighi di esposizione in bilancio o sul sito internet per le imprese che nel corso dell’anno hanno ricevuto contributi pubblici superiori ai 10.000 euro complessivi.

Modalità e termini di pubblicazione:

Le informazioni riguardanti i contributi pubblici devono essere pubblicate:

  • In nota integrativa del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato: per le imprese obbligate alla redazione di tali documenti.
  • Sul sito internet: per le imprese non tenute alla redazione della nota integrativa.
  • Sui portali digitali delle associazioni di categoria: per i soggetti che non possiedono un sito internet proprio.

E dovranno avere ad oggetto i seguenti elementi:

  • denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente;
  • denominazione del soggetto erogante;
  • somma incassata (per ogni singolo rapporto giuridico sottostante);
  • data di incasso;
  • causale.

Le informazioni devono essere pubblicate entro il termine di approvazione del bilancio annuale per i contributi pubblici ricevuti nell’anno precedente o entro il 30 giugno dell’anno successivo per chi deve pubblicare sul proprio sito internet o sui portali delle associazioni di categoria.

Sono escluse dalla normativa le agevolazioni fiscali:

  • i contributi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria
  • gli aiuti di Stato e gli aiuti de minimis iscritti al registro nazionale degli aiuti di Stato, a condizione che l’esistenza di tali aiuti sia dichiarata nella nota integrativa del bilancio o, se non obbligati alla redazione di tale nota, sul proprio sito internet o sui portali delle associazioni di categoria
  • erogazioni pubbliche per un importo complessivo inferiore a euro 10.000,00nel periodo considerato

Sanzioni:

L’inosservanza degli obblighi di trasparenza comporta sanzioni pecuniarie pari all’1% dell’erogazione ricevuta, con un minimo di 2.000 euro. Se l’impresa non adempie entro 90 giorni dalla contestazione, è prevista la restituzione integrale delle somme ricevute. Le sanzioni sono irrogate dalle amministrazioni pubbliche competenti che hanno erogato i benefici o dalle amministrazioni vigilanti.

VUOI RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?

COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE PER ESSERE CONTATTATO DA UN NOSTRO CONSULENTE

 

    Voglio essere contattato via emailVoglio essere contattato telefonicamente (assicurarsi di aver inserito il recapito telefonico)

    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

    CREDITI IMPOSTA TRANSIZIONE 4.0: le comunicazioni obbligatorie per la fruizione degli incentivi

    Dal 30 marzo 2024 la fruizione in compensazione dei Crediti d’Imposta Industria 4.0 è subordinata alla trasmissione al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) di una comunicazione preventiva e/o di una di completamento.

    2024-07-03T12:29:54+02:0010 Giugno 2024|