BANDO PARCO AGRISOLARE 2023

AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AGRICOLO E AGROINDUSTRIALE:

fondo perduto fino all’80% per installazione di impianti fotovoltaici

AL VIA LE DOMANDE DAL 12 SETTEMBRE

 

Possiedi un’impresa agricola o agroindustriale? Per te un fondo perduto fino all’80% per installazione di impianti fotovoltaici e non solo!

Apre il 12 settembre 2023 lo sportello per la presentazione delle domande per la nuova edizione del bando Parco Agrisolare 2023, la misura che agevola con un contributo a fondo perduto la realizzazione di impianti fotovoltaici da installare su tetti di edifici ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale.

Quali sono le novità dell’edizione 2023?

  • incremento del contributo a fondo perduto concesso alle imprese agricole su tutto il territorio nazionale che arriva fino all’80%
  • introduzione del nuovo concetto di autoconsumo condiviso;
  • eliminazione, in diversi casi, del vincolo di autoconsumo;
  • raddoppio della potenza installabile dell’impianto fotovoltaico senza consumo di suolo;
  • raddoppio della spesa massima ammissibile per i sistemi di accumulo e ricarica.

In pratica, con il nuovo bando:

  • aumenta la potenza massima degli impianti fotovoltaici che non avranno più il limite di 500 kW, ma fino a 1.000 kW;
  • raddoppia la spesa massima ammissibile per i sistemi di accumulo, da 50.000 euro a 100.000 euro;
  • aumenta la soglia dei contributi dal 40% attuale (50% per il Sud) portandola all’80%;
  • viene tagliata la quota di contributo pubblico che scende al 30% per le grandi imprese e al 50% per le piccole, tra cui rientrano la maggior parte delle aziende agricole.

Chi sono i destinatari?

  • Imprenditori agricoli, in forma individuale o societaria;
  • Imprese agroindustriali, con codice Ateco definito nello specifico elenco.
  • Cooperative agricole, anche in forma di consorzio, che svolgano attività di coltivazione del fondo, silvicoltura, allevamento di animali e attività connesse, e che risultino iscritte nella sezione speciale del registro imprese.

A quanto ammonta il contributo?

  • AZIENDE AGRICOLE ATTIVE NELLA PRODUZIONE PRIMARIA → pari all’80% con vincolo di autoconsumo e pari al 30% senza vincolo di autoconsumo (con eventuali maggiorazioni);
  • Imprese attive nel SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI, in base alla potenza dell’impianto fotovoltaico, senza vincolo di autoconsumo:
  1. 80% delle spese ammissibili con potenza tra 6 kWp e 200 kWp;
  2. 65% delle spese ammissibili con potenza tra 200 kWp e 500 kWp;
  3. 50% delle spese ammissibili con potenza tra 500 kWp e 1.000 kWp;
  • Imprese di TRASFORMAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI IN NON AGRICOLI e le altre imprese → pari al 30% senza vincolo di autoconsumo (con eventuali maggiorazioni).

Cosa finanzia?

Sono ammissibili gli interventi da realizzare sui tetti di fabbricati ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale, che prevedano l’installazione di IMPIANTI FOTOVOLTAICI NUOVI, con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 1000 kWp.

Salvo eccezioni, per le aziende agricole di produzione primaria, gli impianti fotovoltaici sono ammissibili agli aiuti unicamente se l’obiettivo è quello di soddisfare il proprio autoconsumo.

Come accennato, sono ammissibili anche i seguenti interventi facoltativi di riqualificazione ai fini del miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture:

  • RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL’AMIANTO DAI TETTI;
  • REALIZZAZIONE DELL’ISOLAMENTO TERMICO DEI TETTI;
  • REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI AERAZIONE connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d’aria).

Per gli impianti fotovoltaici sono ammissibili spese fino a € 1500/kWp, (importo massimo agevolabile 1.500.000 €) incrementabile a ulteriori euro 1.000/kWh se installati anche sistemi di accumulo.

Per la rimozione e smaltimento dell’amianto, per gli interventi di realizzazione dell’isolamento termico e di un sistema di aerazione sono ammissibili spese fino a € 700,00/Kwp.

Gli interventi devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda e realizzati, collaudati e rendicontati entro 18 mesi dalla concessione del contributo.

SCARICA LA SCHEDA BANDO

RIVOLGITI A PIGRECO CONSULTING PER UN’ANALISI DI FATTIBILITÀ DEI TUOI INVESTIMENTI. Scrivi a info@pigrecosrl.it.

Oppure compila il form sottostante, un nostro consulente ti contatterà nel più breve tempo possibile.

    Voglio essere contattato via emailVoglio essere contattato telefonicamente (assicurarsi di aver inserito il recapito telefonico)

    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

    CREDITI IMPOSTA TRANSIZIONE 4.0: le comunicazioni obbligatorie per la fruizione degli incentivi

    Dal 30 marzo 2024 la fruizione in compensazione dei Crediti d’Imposta Industria 4.0 è subordinata alla trasmissione al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) di una comunicazione preventiva e/o di una di completamento.

    2023-07-25T15:38:02+02:0025 Luglio 2023|